Velišček - The Invisible Violence

Ad aprire la nuova edizione di Phada Murgania sarà la personale dedicata all’autore emergente, Aleksander Velišček. Sarà questa la prima di due esposizioni che vanno a comporre l'edizione 2011 della rassegna d'arte contemporanea di Badoere, curata da Carlo Sala e promossa dalla Pro Loco del Comune di Morgano con il sostegno di Tecnogamma e il patrocinio dell'Amministrazione Comunale.

Velišček, nato in Slovenia, da anni opera nell’ambiente culturale veneziano ed attualmente è titolare di uno degli studi della Fondazione Bevilaqua La Masa. Per l’artista la pittura prima di essere una esigenza estetica, è un mezzo per parlare della società e porre delle riflessioni.

La sua opera di carattere politico-sociale, parte da strati di cultura che non sono quella ufficiale delle nuova nazione, esplorando quella sorta di nostalgia verso un mondo che non esiste più, la vecchia Jugoslavia. Interprete di una cultura che si sottrae all’influenza statale e ha il compito di elaborare le visioni, le disillusioni e i paradossi connessi alla trasformazione della società. Nei suoi quadri viene sviscerato il rapporto ambiguo tra nazionalismo e globalità, tra il presente e un passato storico solo all’apparenza accantonato. Nella sua pittura, pur senza volontà narrative, emergono dei simboli che denotano delle situazioni a tratti grottesche.


Dopo l'inaugurazione in programma sabato 3 settembre alle 17.30, la mostra sarà visitabile fino a domenica 18 settembre con i seguenti orari: venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19.00, domenica anche dalle 10 alle 13.

Info: 389/0547459 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.